david bowie e sarah nella scena del ballo di labyrinth
  • Se sei nato negli anni Ottanta,
  • Se sei stato bambino/adolescente/new waver negli anni Ottanta,
  • Se da bambino giocavi a perderti nel giardino dei nonni come se ti trovassi in un labirinto,
  • Se da bambino (soprattutto bambina) odiavi tuo fratello soltanto per essere solidale con una certa Sarah,
  • Se hai una sorta di mania ossessiva per le righe e gli orologi,
  • Se vai ancora a caccia di gnomi quando ciaspoli allegramente in montagna,
  • Se quando vedi un artista di strada giocare con le sfere di vetro ti incanti,
  • Se il tuo cane si chiama Sir Didimus,
  • Se non resisti all’irrefrenabile voglia di battere un battocchio,
  • Se sei convinto che se apri la porta al contrario ti ritroverai in un mondo magico,
  • Se mentre ti asciughi i capelli canti “I saw my beeeeiiiibiii crying hard as babe could cry, What could I do?“, usando la spazzola come microfono,

Ebbene

Se anche tu appartieni ad una o più di queste categorie allora non c’è dubbio: sei un fan di Labyrinth.

Se invece non ti riconosci in nessuno dei tipi su elencati allora abbiamo un problema: non conosci Labyrinth.

Non temere, sei ancora in tempo per redimerti da questa tua grave mancanza perché tutti almeno una volta nella vita devono aver visto Labyrinth! Certo, ognuno ha l’infanzia che ha e diventa l’adulto che è anche grazie alle storie che ascolta da bambino. Questo sillogismo (è un sillogismo, punto!), non fa un piega!

Io, buon per me e i miei posteri, ho avuto due fortune. Anzi tre.

La prima:

Mia madre negli anni Ottanta ascoltava David Bowie

Mia madre è fichissima!!!

La seconda: quando avevo 10 anni o meno mio padre, tornando da lavoro, una sera mi portò una nuova videocassetta da vedere (all’epoca, per chi appartenesse a generazioni successive alla mia, esistevano dei luoghi chiamati videoteche in cui potevi entrare e scegliere che film avresti guardato a casa tua, inserendo la cassetta in un altro ormai vetusto aggeggio, il videoregistratore. Tu ti accomodavi sul divano e il film partiva. Ogni tanto il nastro si inceppava perché le puntine del videoregistratore avevano fame ma vabbé, bastava riavvolgerlo un po’ e il film andava avanti!). Insomma: avete capito di quale film si trattava?

La terza (non me ne vanto ma oh, era necessario): misteriosamente la videocassetta di cui sopra è sparita e non abbiamo mai potuto renderla alla videoteca. Chissà che fine avrà fatto, trallallà! 🙂

Alla luce di tali fattori non potevo che essere una fan di questo straordinario film che ha segnato non una ma intere generazioni, dal 1986 in poi. Per chi non lo conoscesse pregasi U-R-G-E-N-T-E-M-E-N-T-E di correre ai ripari nelle seguenti maniere:

  1. Guardare e riguardare il film, che ovvietà!
  2. Imparare a memoria la colonna sonora fimata David Bowie, imprescindibile per chi ama cantare guidando;
  3. Spulciare nell’immensa fan art disponibile on line. Vai di keywords gente!
  4. Diventare amici/fan/likers di WikiLabyrinth ovviamente anche su Twitter.
  5. Farsi amico/a uno/a più fan di Labyrinth perché si sa, i fan in quanto tali sanno cose che voi umani non potreste nemmeno immaginare.

Tipo?

Lo sapevate che come ci insegna YouTube non sono le mani di David-Jareth a far ruotare le sfere di vetro bensì quelle di…

Lo sapevate che Gogol in realtà è una Lei?

Lo sapevate che esistono dei manga éditi dopo l’uscita del film dalla Marvel, oltre al libro (questo di sicuro lo sapevate, n’évvero??)?

Lo sapevate che Sarah all’inizio del film sta imparando a recitare proprio la sua parte in Labyrinth?

Lo sapevate che secondo me i Lacrimosa (la band gothic) si siono ispirati a Jareth e Sarah? Guardate un po’… 😀

Tilo Wolf e Anne Nurmi al ballo. Acconciature invertite, secondo me pure loro sono LabyFan!

Lo sapevate che esiste un libro, Fate, di Brian Froud e Alan Lee in cui sono disegnati e descritti tutti ma proprio tutti i personaggi fantastici presenti nel film? C’è anche Gogol, solo che qui in realtà è rappresentato come il temuto Berretto Rosso! Si tratta di un libro degli anni Ottanta che io trovai a casa dei miei nonni (mica scherzavo prima eh!) e che di recente è stato rimodernato e rimesso in commercio. Lo trovate qui.

Update 2016: lo sapevate che esite pure il gioco da tavolo di Labyrinth!? Vinci soltanto se sai recitare a memoria l’intero brano che Sarah non riesce mai a ricordare. Il gioco lo trovate online, oppure a Cosenza, a casa mia <3 Si organizzano giocate in compagnia!

Labyrinth-scena-iniziale-david-bowie

E lo sapevate che ieri sera io per la prima volta ho visto Labyrinth al cinema (non tutto ma… che emozione!) e pure in odorama grazie a Lush, Gorilla Parfume e soprattutto grazie al Milano Film Festival? No? Bene, sapevatelo dunque 🙂

Vi lascio con un gioco (grazie Jack): provate a trovare le 7 facce di Jareth nascoste nel film!

Salva

  • “My baby love has gone, and left my babe bluuuuue, nooobody knew what kind of magic spell to use…”
    Io ci avevo fatto un intero post a suon di “lo sapevate che?”
    (spam svergognato, lo si trova qui: http://www.euforilla.com/?p=183 :P).
    Devo troppo andare a Milano a vederlo!

    • Crispiiiins! Lo sooooo!!! Ti volevo citare nella parte del “fatevi un amico fan” ma ebbi dei dubbi, lo ammetto! Quel post è bellissimo, infatti l’ho riletto proprio oggi ^____^ Io sono riuscita ad entrarci ieri al MFF ma per altre ragioni. I biglietti non li vinsi infatti Jack è rimasto fuori 🙁 Oggi c’è l’ultima proiezione purtroppo (biglietti esaurti anche qui), ma una maratona Laby non ce la toglie nessuno, quando vuoi :*