Sei gradi di separazione tra me e il Salento

viaggio in salento

Ogni tanto accadono fatti impressionanti, talmente sono straordinari. Tipo che per la teoria dei sei gradi di separazione ti ritrovi a fare un viaggio in Salento, rigorosamente senza cartina perché il Salento in verità non esiste ed è tutto negli occhi di chi lo cerca, o nella pancia di chi ci mangia. E infatti così fu: stiamo mangiando – io e le genti famose con cui mi trovo in questa landa assolata – stiamo mangiando come non ci fosse un domani e ogni papilla ringrazia. Ma prima d’ogni cosa, i dovecosaquando di questo viaggio.

Leggere Il Trono di Spade senza albero genealogico: SBAM!

il trono di spade mappa

Tutti, ma proprio tutti, dovrebbero avere un albero genealogico in formato A3 sul comodino prima di intraprendere la titanica impresa di leggere il Trono di Spade! Io invece, che sono una sconsiderata e non imparo mai una cippa dal passato, ho iniziato la lettura senza. E ora niente, l’inverno è arrivato e sono ancora qui a tentar di capire di chi è figlio Jon Snow.

La La Land, il technicolor e questa insopprimibile voglia di ballare

la la land illustrazione by HYUNA LEE

Forse – ma proprio forse – esiste un rimedio alla maleducazione dei cosentini alla guida, ed è La La Land: grazie per avermi fatto dono di questa insopprimibile voglia di ballare e cantare, sfodererò dalla borsa le scarpette da tip tap ogni volta che un maleducato i Cusè parcheggerà l’auto in terza fila in via Alimena.

La mia lunga – gioigloriosa – vita da freelance

vita da freelance a sud

Non serve un terapeuta né un consulente del lavoro per capire che il tuo posto nel mondo – lavorativo – non è dietro a una scrivania. C’è chi nasce per l’armadio bianco e nero, c’è chi invece mangia Nutella con il cucchiaio mentre fa riunione con il cliente via Skype. Io appartengo alla categoria numero 2, perché la vita da freelance è bella e lavorare non mi è mai sembrato così piacevole.

Labyrinth, il gioco da tavolo che aspettavo da 30 anni!

il gioco da tavolo di labyrinth

In casa McFriend è giunto uno dei doni più belli di sempre: il gioco da tavolo di Labyrinth, il gioco che una come me, che ha un livello 3 su 10 di nerdaggine, aspettava da 30 anni per redimersi da cotanta mancanza! Orbene, è ora di mettere da parte Risiko e prendere in mano il microfono, gente. In questo gioco vince chi canta!